Quando sentirono parlare di risurrezione dei morti, alcuni se ne beffavano; e altri dicevano: “Su questo ti ascolteremo un’altra volta”. Così Paolo uscì di mezzo a loro. Ma alcuni si unirono a lui e credettero; tra i quali anche Dionisio l’areopagita. (Atti 17:32-34)

L’areopago, ad Atene, era una collina dove aveva sede un tribunale di notabili, chiamato anch’esso Areopago. Lì, all’aria aperta, si poteva assistere ai processi e ascoltare dei discorsi di filosofi o di uomini politici.

areopagus_from_the_acropolisUn giorno, l’apostolo Paolo prese la parola. Il racconto che ne fa la Bibbia riassume l’atmosfera che regnava ad Atene nel primo secolo: la città era “piena di idoli… alcuni filosofi epicurei e stoici conversavano con lui…

Tutti gli Ateniesi e i residenti stranieri non passavano il loro tempo in altro modo che a dire o ad ascoltare novità“. (Atti 17:16; 18; 21)

Dionisio, membro dell’Areopago, era abituato ad ascoltare ogni giorno discorsi su discorsi. Che aridità e che abbattimento deve aver provato, confrontato com’era ogni giorno con tante idee strane e contraddittorie!

Non ci capita anche oggi di avere la stessa impressione, di essere stanchi della povertà spirituale di tutto ciò che ascoltiamo? Ma Dionisio udì il messaggio di Paolo, completamente nuovo:

Dio dunque, passando sopra i tempi dell’ignoranza, ora comanda agli uomini che tutti, in ogni luogo, si ravvedano, perché ha fissato un giorno, nel quale giudicherà il mondo con giustizia per mezzo dell’uomo che egli ha stabilito, e ne ha dato sicura prova a tutti, risuscitandolo dai morti. (Atti 17:30-31)

La forza della buona notizia della risurrezione non lo ha lasciato indifferente. Non si è lasciato influenzare da coloro che “se ne beffavano” e che dicevano: “su questo ti ascolteremo un’altra volta”: Dionisio, l’areopagita, ha creduto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloInvia