Avvicinarsi a Dio

Avvicinatevi a Dio, ed egli si avvicinerà a voi. Pulite le vostre mani, o peccatori; e purificate i vostri cuori, o doppi d’animo! (Giacomo 4:8)

Alcune persone, vedendo la bellezza della natura, pensano spontaneamente all’esistenza di un Essere superiore che è all’origine di tutto; altre invece non vi vedono altro che delle sorprendenti coincidenze, Perché questa differenza?

La Bibbia dichiara: Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo cercano. (Ebrei 11:6)

E’ come affrontare un test di sincerità. Chi si avvicina a Dio deve dar prova di fiducia, non solo per accettare la Sua esistenza, di per sé evidente, ma anche per riconoscere la sua bontà e per credere di essere accolto per la fede in Gesù Cristo. Perché questo? Perché nella Bibbia Dio lo dice chiaramente.

Il SIGNORE è vicino a tutti quelli che lo invocano, a tutti quelli che lo invocano in verità. (Salmi 145:18)

Avvicinarsi a Dio, invocarlo “in verità” significa riconoscere che Egli è il Creatore e che noi siamo le sue creature; quindi, che ha dei diritti sulla nostra vita, una volontà, che è nostro dovere conoscere e ricercare. Questa ricerca è alla portata di ciascuno di noi, perché Dio desidera farsi conoscere a noi tramite Gesù Cristo.

Conosciamo tutti qualcosa della vita di Gesù, ma dobbiamo andare oltre questa semplice conoscenza per arrivare ad accettarlo come Salvatore, accettare la sua morte come il solo mezzo per cancellare le nostre colpe. Allora la sua vita in noi sarà come una forza nuova e inesauribile.

Ma ora, in Cristo Gesù, voi che allora eravate lontani siete stati avvicinati mediante il sangue di Cristo. (Efesini 2:13)