Due scandali

O Eterno, fammi conoscere la mia fine e quale sia la misura dei miei giorni; fa’ che io sappia quanto sono fragile. (Salmi 39:4) Intervistato da un giornalista, un personaggio di successo ha dichiarato: “Il trascorrere del tempo e la morte sono due scandali”. Certe persone vorrebbero fermare il tempo per godere al massimo il…

Morto benché vivo

Ma il mattino dopo, quando l’effetto del vino gli era passato, la moglie raccontò a Nabal queste cose; allora il cuore dentro di lui venne meno ed egli rimase come un sasso. (1 Samuele 25:37) Sainte Beuve, scrittore francese del XIX secolo, molto onorato per la sua sapienza, ma non credente, scriveva un giorno ad…

Precarietà o stabilità?

A te grido, o Eterno, mia rocca; non stare in silenzio, perché se tu non parli, io divengo simile a quelli che scendono nella fossa. Ascolta la voce delle mie supplicazioni quando grido a te per aiuto, quando alzo le mani verso il tuo luogo santissimo. (Salmi 28:1-2) Ci stringe il cuore vedendo tante persone…

Vivere alla giornata

Perciò ricordatevi che un tempo voi gentili di nascita, chiamati incirconcisi da quelli che si dicono circoncisi, perché tali sono stati fatti nella carne per mano d’uomo, eravate in quel tempo senza Cristo, estranei dalla cittadinanza d’Israele e estranei ai patti della promessa, non avendo speranza ed essendo senza Dio nel mondo. Ma ora, in…

Ho guadagnato un’ora!

L’uomo è come un soffio e i suoi giorni sono come l’ombra che passa. (Salmi 144:4) “Prendendo il treno delle 18 ho guadagnato un’ora!”, dichiarava soddisfatto un uomo d’affari. “Cosa ne ha fatto di quell’ora?” gli replicò il suo interlocutore. Queste battute meritano una riflessione. Nella nostra società così indaffarata, la gestione del tempo è…

L’umile venuta di Cristo

In verità, in verità vi dico: Se il granel di frumento caduto in terra non muore, rimane solo; ma se muore, produce molto frutto. (Giovanni 12:24) Quasi invisibile ad occhio nudo, il germoglio è la parte più importante del seme, ed è anche la più delicata. Ebbene, è questa figura che il profeta Zaccaria utilizza…

Ho vinto la morte

L’uomo invece muore e rimane atterrato; quando egli esala l’ultimo respiro, dov’è mai? (Giobbe 14:10) “Ho lottato con la morte e ho vinto!” Così si esprimeva un politico dopo aver subito un’operazione a cuore aperto. L’angoscia della morte è radicata in ogni essere umano; possiamo forse scacciarla con un’affermazione provocatoria? La morte è “il salario”…

Simili a lui

Carissimi, ora siamo figli di Dio, ma non è stato ancora manifestato ciò che saremo. Sappiamo che quand’egli sarà manifestato saremo simili a lui, perché lo vedremo com’egli è. (1 Giovanni 3:2) Nel libro dell’Apocalisse è parlato dei castighi di Dio giusti e terribili, che colpiranno il mondo colpevole e verso i quali gli increduli…