Il senso della vita

Che farò di Gesù?

Pilato disse loro: «Che farò dunque di Gesù, detto Cristo?». Tutti gli dissero: «Sia crocifisso!». (Matteo 27:22)

Nel 1961, è stato ritrovato, nel teatro romano di Cesarea Marittima, un basamento che riportava il nome di Tiberio e Ponzio Pilato. Ora si trova a Gerusalemme e vi si può leggere:

TIBERIEUM … (Tiberio)
[PONT]IUS PILATUS … (Ponzio Pilato)
[PRAEF]ECTUS IUDA …(Governatore della Giudea)

L’esistenza di Pilato non è dunque attestata esclusivamente dalla Bibbia. D’altronde, Giuseppe Flavio e Tacito ne parlano come di una persona crudele e cinica.

Pilato è stato governatore della Giudea dall’anno 26 al 36. Fu lui a condannare a morte Gesù. Tuttavia, sapeva bene che Gesù era innocente e che gli era stato consegnato per gelosia.

Allora Pilato rispose loro, dicendo: «Volete che vi liberi il re dei Giudei?». Perché sapeva che i capi dei sacerdoti glielo avevano consegnato per invidia. (Marco 15:9-10)

Ma ha avuto paura della folla, paura anche di perdere il posto. Così ha preferito mettere a tacere la sua coscienza e condannare a morte un innocente.

Noi non ci troviamo nella posizione di Pilato, ma dobbiamo tutti rispondere alla domanda che egli ha posto: “Che farò dunque di Gesù?” Non si tratta di una donna d’importanza secondaria; è la questione essenziale per ogni uomo. Perché Gesù non è soltanto un saggio, ma è colui che era stato annunciato nell’Antico Testamento, e che doveva venire per salvare gli uomini. Egli è il Figlio di Dio.

“Che farò di Gesù?” In fondo non ci sono che due risposte possibili: o, come Pilato, eludere la domanda, e finire col rifiutarlo, o riceverlo e affidarsi a Lui. Allora cambia il senso della vita, per il presente e per l’eternità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *