Salvezza

Come rispondere all’amore di Dio

Poiché egli ha fatto essere peccato per noi colui che non ha conosciuto peccato, affinché noi potessimo diventare giustizia di Dio in lui. (2 Corinzi 5:21)

Il verso di cui sopra esprime una grande verità che qualcuno, però, cerca di distorcere a suo piacimento. Dio ci ama e vuole salvare l’intera umanità, ma non può rinnegare la Sua santità accettando il peccato in Sua presenza. Egli è Santo e perfetto e, per via della Sua natura, deve condannare tutto il peccato. Di conseguenza, pensare che Dio vada contro le Sue leggi e la Sua stessa natura, permettendo che continuiamo a tenere la stessa attitudine peccaminosa è il colmo dell’egocentrismo.

Non c’è nessun uomo in grado di guadagnarsi e di meritarsi il perdono dei peccati, nessuno! Tutti abbiamo bisogno di Gesù Cristo! La macchia del peccato può essere tolta solo grazie al sacrificio del Santo Agnello immolato sulla croce; quelli che accettano questo sacrificio ricevono il perdono ed una veste di giustizia. Credere in Lui però non è semplicemente accettare quest’atto d’amore, ma rispondere al Suo amore avendo una relazione intima e personale con il Salvatore.

Questa relazione, però, può essere mantenuta solo cercando di vivere in ubbidienza alla Sua volontà. Quello che continuano coscientemente a peccare, non possono entrare in cielo. La natura santa di Dio richiede perfezione, ma non possiamo offrirgliela da soli: abbiamo bisogno che Cristo ci ricopra del Suo manto di giustizia.

E tu con quale veste ti presenti davanti a Dio: quella sporca e imperfetta dovuta al peccato, o quella perfetta e splendente offertaci da Gesù Cristo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *