Contate i vostri minuti

Insegnaci dunque a contare i nostri giorni, per ottenere un cuore savio. (Salmi 90:12)

Si racconta che un uomo era costretto, per tornare al suo villaggio, a percorrere un lungo tragitto e quel viaggio era ancor più lungo e monotono di notte, quando era buio pesto.

Una di quelle notti, all’improvviso, inciampò contro qualcosa. Si abbassò e raccolse un sacchetto pieno di pietruzze. Per distrarsi, di tanto in tanto ne gettava una nel fiumiciattolo che costeggiava la strada; il rumore della pietra che cadeva nell’acqua gli faceva compagnia.

Quando arrivò a casa, finalmente alla luce, guardò le ultime due pietruzze che erano rimaste e si accorse che erano pietre di diamanti! In quell’istante realizzò di aver dissipato un’immensa fortuna.

I nostri giorni sono fatti di ore, di minuti, di secondi. In un anno ci sono 525.000 minuti, e una persona che è vissuta 30 anni è responsabile di come ha impiegato quei sedici milioni di minuti. Ogni minuto di vita, Dio ce lo concede perché lo mettiamo al suo servizio.

Forse ti rendi conto di aver sperperato tanto tempo e tante risorse. Ne sei addolorato? Non scoraggiarti, ma piuttosto fa’ al Signore la preghiera che ha fatto l’apostolo Paolo quando Gesù gli è apparso: “Signore, che devo fare?”. Il Signore mi disse: “Alzati e va’ a Damasco, là ti sarà annunziato tutto quello che ti è ordinato di fare” (Atti 22:10).

Egli stesso ti guiderà a compiere, con il suo aiuto, quelle “opera buone, che Dio ha precedentemente preparate” (Efesini 2:10) sul tuo cammino.

Con il Signore, la nostra vita sarà piena, varia e armoniosa. Prima di tutto però bisogna averlo conosciuto e amato, e aver riposto in lui tutta la nostra fiducia.

E questo tanto più dobbiamo fare, conoscendo il tempo, perché è ormai ora che ci svegliamo dal sonno, poiché la salvezza ci è ora più vicina di quando credemmo. La notte è avanzata e il giorno è vicino; gettiamo dunque via le opere delle tenebre e indossiamo le armi della luce. (Romani 13:11-12)

Leave a Reply