Un giovane studente cristiano ogni fine settimana ritornava in treno a casa dei genitori, e conversava volentieri con coloro che si trovavano nel suo scompartimento.

Egli sapeva cogliere le occasioni che si presentavano per parlare di Gesù, che lui conosceva come suo Salvatore e suo vero Amico. Un giorno, circa quindici anni fa, dopo qualche scambio banale, il suo vicino gli disse ad un tratto:

“Ricorda le atrocità dell’ex Jugoslavia? Non pensa che si trattasse di una guerra di religione? Si credeva che gli occidentali fossero diventati tolleranti, invece… Anche se volessi, non potrei credere a Dio, vedendo come i cristiani si comportano!”

Perché si sono infiltrati fra di voi certi uomini (per i quali già da tempo è scritta questa condanna); empi che volgono in dissolutezza la grazia del nostro Dio e negano il nostro unico Padrone e Signore Gesù Cristo. (Giuda 4)

Quest’ultima frase era l’occasione che il giovane cristiano aspettava per parlare di ciò che gli stava a cuore: “Si, è spiacevole vedere delle persone che si definiscono cristiane rinnegare gli insegnamenti di Cristo:Amate i vostri nemici… benedite quelli che vi maledicono” (Luca 6:27,28).

L’apostolo Paolo scrive, in Romani 12:17: “Non rendete a nessuno male per mal”; solo chi si comporta così è un vero cristiano, una persona che è per i suoi simili come un segnale stradale che indica la giusta direzione.

Per essere un cristiano non basta che lei sia battezzato o che abbia fatto la comunione; non basta nemmeno una vita onesta; è indispensabile riconoscersi colpevoli davanti a Dio, credere che Gesù Cristo ha accettato di subire, alla croce, il giudizio di Dio che noi tutti meritavamo.”

Perché molti camminano da nemici della croce di Cristo (ve l’ho detto spesso e ve lo dico anche ora piangendo), la fine dei quali è la perdizione; il loro dio è il ventre e la loro gloria è in ciò che torna a loro vergogna; gente che ha l’animo alle cose della terra. (Filippesi 3:18)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloInvia