Infatti è per grazia che siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non viene da voi; è il dono di Dio. Non è in virtù di opere affinché nessuno se ne vanti; infatti siamo opera sua, essendo stati creati in Cristo Gesù per fare le opere buone, che Dio ha precedentemente preparate affinché le pratichiamo. (Efesini 2:8-10)

“Io credo a modo mio, sentiamo spesso dire. Io ho la mia religione”. E’ una risposta agevole per sfuggire alle questioni di fondo! L’uomo s’inventa una religione personale, che non lo disturbi troppo, ma nella quale piuttosto abbia modo di compiacersi.

golgota2Così Eichmann, il criminale di guerra nazista, diceva di credere in un dio “che non condannava il peccato e non condannava nessuno”, cioè un dio che in qualche modo tollerava il crimine. Ma non è forse pericoloso appoggiarsi sui propri pensieri senza neppure provare a sapere ciò che Dio veramente pensa?

Caino e Abele erano due fratelli che credevano in Dio. Entrambi volevano rendergli culto. Abele offre degli agnelli del suo gregge. Caino si avvicina a Dio “a suo proprio modo”, coi frutti e coi vari prodotti del suo giardino, senza dubbio i migliori tra quelli che aveva egli stesso coltivati.

Eppure Dio non accetta la sua offerta. Il solo sacrificio che Gli era gradevole, era quello di un agnello che annunciava in anticipo “l’agnello di Dio, che toglie il peccato del mondo”, Gesù offerto per la salvezza degli uomini.

Il giorno seguente, Giovanni vide Gesù che veniva verso di lui e disse: «Ecco l’Agnello di Dio, che toglie il peccato del mondo! (Giovanni 1:29)

Che cosa pensereste di una persona che chiedesse udienza ad un capo di stato senza rispettare il protocollo?  Sarebbe ugualmente ricevuto?

Dio esige che rispettiamo il protocollo che ci ha fatto conoscere nella Bibbia. E cosa dice? Non esiste che un modo avvicinarsi a Lui. Non per le nostre opere, per quando buone esse siano, ma per mezzo del suo Figlio Gesù Cristo.

Gesù gli disse: «Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. (Giovanni 14:6)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloInvia