Dare un senso vero alla vita

Abbi pietà di me, o Eterno, perché sono angosciato; il mio occhio, la mia anima e le mie viscere sono consumati dal dolore, perché la mia vita vien meno per l’afflizione e i miei anni per il pianto; la mia forza viene meno a causa del mio peccato e le mie ossa si consumano. (Salmi 31:9-10)

Nel corso degli anni 90, quando la Bibbia è potuta entrare liberamente nei loro paesi, migliaia di Russi hanno rinunciato all’ateismo per volgersi vero Dio. Un professore universitario, ex ateo, ha fatto questa dichiarazione:

“Ho cercato di dare un senso alla mia vita attraverso la ricerca scientifica, ma non ho trovato nulla che mi soddisfacesse. Quando, durante un lavoro di astronomia, constatai la grandezza dell’universo, sentii tutto il vuoto della mia anima. Allora iniziai a leggere la Bibbia ed essa, a poco a poco, colmò il vuoto che c’era nel mio cuore. Essa è l’unica sorgente di fiducia per la mia anima. Accettando Gesù come mio Salvatore, ho trovato la pace e la felicità”.

Il credente, felice di conoscere Dio come Padre, sa che solo Lui può rispondere ai bisogni più profondi del cuore e dare un verso senso alla sua vita. Dio non promette a coloro che si rivolgono a Lui una vita esente dalle difficoltà, ma assicura il Suo sostegno a quelli che vivono una relazione personale con Lui. Il Dio onnipotente, che ha concepito e creato l’universo, cerca una relazione intima e personale con ciascun essere umano.

Il nostro Creatore si preoccupa di ognuno di noi ed ha mandato il Suo Figlio Gesù Cristo sulla terra per salvarci.

Egli si interessa a te come se fossi l’unica Sua creatura sulla terra ed oggi, per mezzo della Sua Parola, ti rivolge ancora una volta questo appello: “Volgetevi a me e siate salvate, voi tutte estremità della terra. Poiché io sono Dio e non c’è alcun altro” (Isaia 45:22).

Leave a Reply