Peccato

Debolezza o peccato?

Dal di dentro infatti, cioè dal cuore degli uomini, procedono pensieri malvagi, adultéri, fornicazioni, omicidi, furti, cupidigie, malizie, frodi, insolenza, invidia, bestemmia, orgoglio, stoltezza. (Marco 7:21-22)

Molte persone ignorano, o vogliono ignorare, il significato del termine “peccato”. Altre sono dell’avviso che i peccati siano solo delle debolezze, degli errori dei quali non si è responsabili. Ne risulterebbe che, se non siamo colpevoli, non abbiamo bisogno del perdono di Dio.

Tuttavia, non sono le opinioni degli uomini, che manipolano le verità morali per adattarle ai gusti del momento, a cambiare la natura e le esigenze di Dio. Dio non cambia, è eterno e tali sono anche i Suoi pensieri.

Il cuore è ingannevole più di ogni altra cosa e insanabilmente malato; chi lo può conoscere? Io, l’Eterno, investigo il cuore, metto alla prova la mente per rendere a ciascuno secondo le sue vie, secondo il frutto delle sue azioni. (Geremia 17:9-10)

La trasgressione consiste nell’agire come se non ci fosse nessuna regola, come se Dio non avesse fatto conoscere la Sua volontà. Ma ogni disubbidienza alla volontà di Dio è peccato.

Chiunque commette il peccato, commette pure una violazione della legge; e il peccato è violazione della legge. (1 Giovanni 3:4)

La tendenza a disubbidire fa parte della nostra natura; noi nasciamo peccatori, perciò compiamo inevitabilmente delle azioni cattive, come un albero produce dei frutti secondo la propria natura.

A Dio ripugna il peccato!

Ma le vostre iniquità hanno prodotto una separazione fra voi e il vostro DIO, e i vostri peccati hanno fatto nascondere la sua faccia da voi, per non darvi ascolto. (Isaia 59:2)

Ma Dio ama il peccatore e non lo abbandona a se stesso. Egli offre il perdono a chiunque viene a Lui con sincero pentimento e accetta Gesù Cristo come proprio Salvatore. Dio lui, Dio farà un figlio che potrà abitare nella Sua casa per sempre.

Infatti il salario del peccato è la morte, ma il dono di Dio è la vita eterna in Cristo Gesù, nostro Signore. (Romani 6:23)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *