Poiché Dio non ci ha destinati all’ira, ma ad ottenere salvezza per mezzo del Signore nostro Gesù Cristo, il quale è morto per noi perché, sia che vegliamo sia che dormiamo, viviamo insieme con lui. (1 Tessalonicesi 5:9-10)

Fin dall’infanzia, l’essere umano ha paura: i bambini hanno paura dell’oscurità, del tuono… Gli adulti hanno altre paure: della morte, delle epidemie, degli attentati terroristici, della disoccupazione, dell’inquinamento ecc. L’apprensione può trasformarsi in psicosi collettiva e in forme di vero panico. Allora ci si mobilita per protestare contro quelle minacce.

vitaeternaMa quanta indifferenza c’è di fronte ad altri pericoli che pure sono ben più gravi? I più grandi pericoli che ci minacciano sono quelli che mettono in gioco la sorte della nostra anima! Come possiamo rimanere indifferente a queste minacce?

Quando lasceremo questa terra, la nostra condizione eterna sarà determinata sulla base delle scelte fatte in vita. Per questo motivo il Signore ci sollecita ad accettare il suo perdono per sfuggire, alle inevitabili conseguenze delle nostre azioni. Perdono che riceviamo, gratuitamente, avendo fede in Gesù!

Per coloro che credono in Lui, Dio fa molto di più, li fa diventare suoi figli! La sua pace, il suo amore, i suoi tesori ci appartengono dal momento in cui poniamo la nostra fiducia nel sacrificio di Gesù.

L’Eterno è la mia luce e la mia salvezza; di chi temerò? L’Eterno è la roccaforte della mia vita; di chi avrò paura? (Salmi 27:1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloInvia