Qualora mio padre e mia madre m’abbandonino, il Signore mi accoglierà. (Salmo 27:10)

“Sono cresciuto in una famiglia senza alcuna educazione alla fede. Il divorzio dei miei genitori mi ha destabilizzato. Una separazione di questo tipo è ben difficile da capire per un bambino di 7 anni. Mi sono chiuso in me stesso e, malgrado le apparenze di un ragazzino sicuro di sé, ero alla ricerca costante di ciò che avrebbe potuto colmare il vuoto che sentivo nel cuore.

DSCF1518Avevo 11 anni quando ho incominciato a fumare; a 14 anni facevo uso di droghe e bevevo alcolici, poi mi sono dato all’occultismo e allo yoga. All’età di 19 anni, ho sentito parlare per la prima volta di Gesù da uno zio che mi ha anche offerto una Bibbia. Che sorpresa quando, leggendo il Vangelo di Matteo, mi sono accorto che Dio rispondeva ai bisogni della mia anima!

Un giorno ho preso coscienza della mia vita corrotta e ho pianto sulla mia miseria. Allora ho chiesto perdono a Dio, per ciò che ero, per il mio modo di vivere senza senso, per le bestemmie che spesso avevo detto. Ad un tratto, non lo dimenticherò mai, ho sentito nel più profondo di me stesso la consolazione e il perdono di Dio, e da quel momento Gesù è diventato il mio Salvatore; il suo sangue versato alla croce mi ha lavato da tutte le mie brutture.

Il Signore mi ha assistito e mi ha reso forte. (2 Timoteo 4:17)

Quest’esperienza mi ha trasformato la vita, perché nel Signore ho incontrato l’amico di tutti i miei giorni, di quelli buoni e di quelli cattivi. In poco tempo mi ha liberato dal vizio del fumo, dalla droga e dall’alcol. Nei giorni luminosi come in quelli più oscuri Egli mi sta vicino e mi dà la forza di cui ho bisogno.”

Testimonianza di Albert H.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloInvia