Amore di Dio

Giacobbe

Poi l’Eterno disse a Giacobbe: «Torna al paese dei tuoi padri e al tuo parentado, e io sarò con te». Allora Giacobbe mandò a chiamare Rachele e Lea, perché venissero nei campi, presso il suo gregge, e disse loro: «Io vedo che il volto di vostro padre verso di me non è più quello di prima; ma il DIO di mio padre è stato con me. (Genesi 31:3-5)

Quest’ordine dell’Eterno poneva fine ad un periodo duro e travagliato della vita di Giacobbe, che d’altronde non sarebbe stata mai troppo tranquilla. Ma quei venti anni trascorsi in Mesopotamia erano stati una specie di cattività: la conseguenza giusta ed inevitabile della sua condotta non proprio limpida.

Egli amava Dio, desiderava realizzare nella sua vita la presenza,la benedizione, la promessa dell’Eterno, come suo padre e suo nonno, ma, non era il primogenito e, questo fatto, sembrava soffocare le speranze della sua vocazione; oltre a ciò l’indifferenza di Esaù verso l’Eterno aumentava il suo disappunto. Con l’inganno si procurò la primogenitura, ed in seguito all’ira ed odio del fratello, subì l’esilio e la lontananza dalla sua terra natia.

L’esperienza di Giacobbe insegna a noi tutti che per raggiungere i traguardi della vita, ed in particolare quelli cristiani, i doni che Gesù ha promesso per questa vita terrena, ed il traguardo della finale perseveranza, dobbiamo essere leali e integri con Dio e con gli uomini. Nel cammino della fede, non ci sono scorciatoie, dobbiamo ubbidire a Dio in tutta la Sua volontà, dobbiamo osservare tutte le cose che ci ha insegnato.

A volte facciamo una distinzione fra comandamenti primari e secondari. Pensiamo che alcuni vanno assolutamente ubbiditi altri non necessariamente; altre volte, come Giacobbe, vogliamo aiutare Dio a far presto, ed agiamo con azioni di dubbia giustizia e bontà ma, Dio non si fa beffare neanche da noi. Egli ha comandato che le Sue leggi e le Sue prescrizioni siano strettamente osservate e la via più breve è sempre quella di ubbidire a tutta la Sua volontà.

Una piccola disubbidienza, un piccolo peccato, una zona trascurata della vita cristiana, ci faranno perdere del tempo prezioso ed attireranno su noi la disciplina di Colui che corregge i Suoi figlioli, perché Egli ci ama.

Quello che ci meraviglia e ci incoraggia è il fatto che Dio fu sempre con Giacobbe e lo benedisse malgrado i suoi errori. Confidiamo, dunque, nella misericordia di Dio. Non sempre la presenza del Signore nella nostra vita significa che Egli approva tutto quello che facciamo, ma rimane vicino a noi perché ci ama e, pazientemente, aspetta che cresciamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *