Edoardo coglieva tutte le occasioni che gli fornivano gli avvenimenti dell’attualità, per parlare della sua fede a Giovanni, un affezionato collega di lavoro, e per incoraggiarlo ad accettare Gesù come proprio Salvatore.

Un po’ esasperato dalla sua insistenza, quest’ultimo finì per replicargli:

o-207086“Mi parli sempre di un Salvatore, ma io non ho bisogno di nessuno che paghi per me! Se ho fatto qualcosa di male e se c’è un Dio, risponderò io stesso dei miei atti davanti a Lui”.

Edoardo riprese: “D’accordo, ma fai attenzione. In Italia saresti giudicato secondo il diritto italiano, in Inghilterra secondo il diretto inglese, ma davanti a Dio sarai giudicato secondo il diritto di Dio.

E sai cosa prescrive questo diritto? Che chi trasgredisce un solo comandamento è colpevole su tutti (Giacomo 2:10). E chi non trasgredisce anche solo un comandamento di Dio? Chi può sostenere, ad esempio, di avere amato Dio con tutto il suo cuore, o di non avere mai desiderato le cose degli altri?”

Tutti compariranno davanti al tribunale di Dio (Romani 14:10)

Mediante le opera della legge nessuno sarà giustificato davanti a lui (Romani 3:20)

Questa volta fu Giovanni a riprendere la conversazione; parlarono dalla fine del lavoro fino ad ora tarda. Adesso era lui che faceva delle domande e che invidiava le certezze del collega. Nel giro di poche settimane, Giovanni credette al Signore e comprese il senso che aveva per lui il Suo sacrificio alla croce.

Comprese che il nostro Dio, nella sua giustizia, dovrebbe condannarci tutti a causa dei nostri peccati, e invece ci ha amati e ci propone di accettare la Sua grazia. Se la riceviamo diventiamo Suoi figli, perdonati e benedetti, ora e per l’eternità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloInvia