Un donna, che aveva perdite di sangue da dodici anni e aveva speso tutti i suoi beni con i medici senza poter essere guarita da nessuno, si avvicinò di dietro e gli toccò il lembo della veste; e in quell’istante il suo flusso ristagnò. E Gesù domandò: “Chi mi ha toccato?” (Luca 8:43-45)

Ogni pagina dei Vangeli mette in evidenza la potenza del Signore. Questa potenza ha operato guarigione del corpo ad un’infinità di malati. Ma Gesù voleva prima di tutto la guarigione dell’anima.

sorgenteEcco perché il Signore, dopo aver guarito la donna, le chiede: “Chi mi ha toccato?”

Quella donna malata cercava la guarigione del suo corpo, e l’ha ottenuta. La sua fede si appoggiava sulla potenza e sulla grandezza del Figlio di Dio che era riuscita ad avvicinare. Ma ha potuto ricevere ben di più, come indicano le parole che Gesù le rivolge personalmente:

“Figliola, coraggio, la tua fede ti ha salvata; va in pace.” (Luca 8:48)

E’ la fede nella potenza e nell’amore del Signore che produce la guarigione morale e spirituale.

Cosa non facciamo per ottenere la guarigione da una malattia! Ma poniamoci la domanda: mettiamo lo stesso impegno per nutrire e curare la nostra anima?

Gesù, il perfetto Salvatore che Dio ci ha dato, è il Salvatore delle nostre anime, capace di “guarirci” dall’incurabile malattia del peccato; ma per questo la Sua potenza non bastava; bisognava che sacrificasse la Sua vita alla croce.

Là ha dimostrato il Suo amore! Credi anche tu, come quella donna, che Dio vuole guarirti da ciò che ti affligge, dalle tue ferite interiori?

Puoi rimettere nelle mani del Signore tutto ciò che ti riguarda. Egli è sorgente di vita. E’ vicino a te. Puoi rivolgerti a Lui con semplicità da dove ti trovi. Come a quella donna, anche a te donerà la pace e la guarigione interiore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloInvia