Non angustiatevi di nulla, ma in ogni cosa fate conoscere le vostre richieste a Dio in preghiere e suppliche, accompagnate da ringraziamenti. E la pace di Dio, che supera ogni intelligenza, custodirà i vostri cuori e i vostri pensieri in Cristo Gesù. (Filippesi 4:6-7)

Mare in tempesta con barcaE’ notte. Il mare di Galilea è agitato a causa del forte vento, e la barca, già lontana da terra, è sbattuta dalle onde. I discepoli faticano a remare. Ed ecco che Gesù arriva, camminando sul mare. Pietro si tranquillizza vedendolo, ma vuole qualcosa di più. Vuole vivere un miracolo, fare un’esperienza straordinaria, toccare con mano la potenza e la gloria di Dio. Allora chiede a Gesù di poterlo raggiungere camminando anche lui fra le onde.

Era un grande atto di fiducia nel Signore, certamente, ma anche di fiducia in se stesso, nella propria fede. “Vieni”, gli dice Gesù, e Pietro cammina sull’acqua! Peccato che poi, “vedendo il vento” si spaventa e incomincia ad affondare. E’ vero che Gesù lo prende per la mano e lo salva, ma se Pietro avesse avuto fede solo in Lui non sarebbe affondato.

Anche tu, se Gli racconti le tue difficoltà, se metti il Signore al centro della tua vita, dei tuoi interessi, delle tue aspettative, farai delle esperienze meravigliose, e dalla Sua potenza riceverai così tanta forza da sormontare vittoriosamente il mare agitato delle tue difficoltà e dei tuoi problemi.

“Uomo di poca fede, perché hai dubitato?” dice il Signore a Pietro. E’ quando furono saliti sulla barca, il vento si calmò”! (Matteo 14:24-33)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloInvia