Io sono la risurrezione e la vita

Gesù le disse: «Io sono la risurrezione e la vita; chiunque crede in me, anche se dovesse morire, vivrà. E chiunque vive e crede in me, non morrà mai in eterno. Credi tu questo?». (Giovanni 11:25-26)

Marte e Maria fanno sapere a Gesù che il loro fratello Lazzaro è gravemente ammalato. Quanto il Maestro arriva, Marta gli corre incontro e gli dice: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto, ma anche adesso so che tutto quello che chiederai a Dio, Dio te lo darà». (Giovanni 11:21-22)

Gesù le risponde: «Tuo fratello risusciterà». (Giovanni 11:23)

Marta non comprende e pensa che Egli si riferisce alla risurrezione che avverrà alla fine dei tempi. Allora il Signore le fa questa straordinaria rivelazione: «Io sono la risurrezione e la vita».

Marta aveva l’idea vaga di un evento lontano, ma Gesù le dice che la risurrezione e la vita sono lì, davanti a lei. Che messaggio eloquente!

Nella Bibbia, la morte, nel senso più profondo del termine, significa non avere più la possibilità di decidere di mettersi in contatto con Dio. Chi crede in Gesù metre è in vita, conosce Dio come Padre e passa dal regno della morte a quello della vita. Può incontrare la morte fisica, ma per Dio vive, e un giorno risusciterà.

Riportando in vita Lazzaro, Gesù voleva dimostrare questa grande verità.

Il miracolo che Gesù ha fatto va ben oltre, perché la risurrezione non riguarda solo la vita del nostro corpo terreno, ma è il dono di una nuova vita, eterna, con Cristo. Chi crede ha la vita eterna, e anche se muore, è come se fosse addormentato in Gesù.

“Credi tu questo?” chiede Gesù a Marta. La stessa domanda la fa anche a noi, affinché non restiamo nell’incertezza, perché non sono le nostre idee quelle che contano riguarda a queste cose, ma ciò che afferma la Parola di Dio. Accogliamola con fiducia!

Ancora un po’ di tempo e il mondo non mi vedrà più, ma voi mi vedrete; poiché io vivo, anche voi vivrete. (Giovanni 14:19)

Leave a Reply