Ascolta, figlio mio, l’istruzione di tuo padre e non rifiutare l’insegnamento di tua madre. (Proverbi 1:8)

Allevato in una famiglia di credenti, Alfredo aveva, da un giorno all’altro, mutato comportamento. Questo adolescente di 16 anni era tutto ad un tratto diventato particolarmente sottomesso ai suoi genitori, si compiaceva a far loro piacere e manifestava un interesse nuovo ed evidente a parlare con loro della Parola di Dio.

Alfredo aveva accettato Gesù come suo Salvatore, come aveva loro appena comunicato. E’ difficile esprimere la gioia dei genitori di fronte a un tale esaudimento dei loro desideri e a una così chiara risposta alle loro preghiere.

253263-800x600-500x375Si comprenderà facilmente la loro commozione quando appresero che il loro figlio non si era convertito in seguito ad una particolare predicazione udita nel corso di una riunione cristiana, ma dalla testimonianza coerente resa dai suoi genitori.

Alfredo aveva preso improvvisamente coscienza del modo di vivere dei suoi genitori e del loro impegno personale per il Signore. Egli aveva realizzato che era in questo che consisteva il segreto della loro felicità.

Quale incoraggiamento per i genitori credenti! Sovente sembra che le cure di un’educazione cristiana, le parole e gli avvertimenti, non abbiano molta presa sui nostri figli.

Ma prima o poi la testimonianza resa quotidianamente, porterà frutti, e i figli si ricorderanno di ciò che è stato loro detto e soprattutto mostrato. Infatti, più ancora delle parole, è l’atteggiamento dei genitori nella vita quotidiana che conta, compreso quello che essi manifestano nei giorni di difficoltà e di prova; è l’ambiente famigliare che lascerà nei figli la sua impronta indelebile.

Tu amerai dunque il SIGNORE, il tuo Dio, con tutto il cuore, con tutta l’anima tua e con tutte le tue forze. Questi comandamenti, che oggi ti do, ti staranno nel cuore; li inculcherai ai tuoi figli, ne parlerai quando te ne starai seduto in casa tua, quando sarai per via, quando ti coricherai e quando ti alzerai. (Deuteronomio 6:5-7)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloInvia