Una Francese, Claudie André-Deshays, ha fatto parte, a fine agosto del 1996, dell’equipaggio di volo scientifico della stazione Mir in orbita attorno alla terra. Quando i cosmonauti vanno nello spazio, e solo per breve tempo. Partono dalla terra e ritornano sulla terra.

Quando Gesù lasciò i suoi discepoli è andato nella “casa di suo Padre”. Per mezzo della sua morte e della sua risurrezione, ha anche preparato là un posto per i suoi:

imagesCAXE966GIl vostro cuore non sia turbato; abbiate fede in Dio, e abbiate fede anche in me! Nella casa del Padre mio ci sono molte dimore; se no, vi avrei detto forse che io vado a prepararvi un luogo? (Giovanni 14:1-2)

Ed è da quel luogo che tornerà e chiamerà ad incontrarlo tutti i credenti, risuscitando i morti e trasformando i viventi. Rivestiti di corpi gloriosi, tutti se ne andranno con Lui, trasportati in un istanti nella dimora di Dio, e così saranno “sempre col Signora”.

Poiché questo vi diciamo mediante la parola del Signore: che noi viventi, i quali saremo rimasti fino alla venuta del Signore, non precederemo quelli che si sono addormentati; perché il Signore stesso, con un ordine, con voce d’arcangelo e con la tromba di Dio, scenderà dal cielo, e prima risusciteranno i morti in Cristo; poi noi viventi, che saremo rimasti, verremo rapiti insieme con loro, sulle nuvole, a incontrare il Signore nell’aria; e così saremo sempre con il Signore. (1 Tessalonicesi 4:15-17)

Quel giorno trionfale è molto vicino. In molti campi dell’attività umana si ha la sensazione di essere giunti ad un vicolo cieco. Come quando un temporale è prossimo a scatenarsi, una specie di grande e minacciosa attesa tiene il mondo in allarme.

Un avvenimento grave sta preparandosi, di cui molti hanno il presentimento. La domanda che l’uomo si dovrebbe porre è la seguente: “Sono pronto ad affrontare quel momento?”

Gli uni, i credenti fedeli, saranno presi e tutti gli altri saranno lasciati per subire il giudizio che sta per abbattersi sull’umanità.

Ognuno di noi dovrebbe fermarsi e porsi la domanda: “Se il Signore Gesù venisse in questo momento, sarei preso o lasciato?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloInvia