Crescita spirituale

La notte viene che nessuno può operare

Mentre passava, vide un uomo che era cieco fin dalla nascita. E i suoi discepoli lo interrogarono, dicendo: «Maestro, chi ha peccato, lui o i suoi genitori, perché sia nato cieco?». Gesù rispose: «Né lui né i suoi genitori hanno peccato, ma ciò è accaduto, affinché siano manifestate in lui le opere di Dio. Bisogna che io compia le opere di colui che mi ha mandato, mentre è giorno; la notte viene in cui nessuno può operare. (Giovanni 9:1-4)

Mentre camminava con i suoi discepoli per le vie di Gerusalemme, Gesù vide un mendicante che era cieco dalla nascita. I discepoli, invece di mostrare compassione per quel cieco, rivolsero la loro domanda al Maestro. Gesù evitò ogni genere di discussione teologica e ciò per una ragione molto semplice: una trattazione anche molto profonda dell’argomento non sarebbe stata di nessuna utilità né per il cieco né per i discepoli!

E’ più importante rimuovere il male che discutere intorno alle sue possibili origini! Il mondo è pieno di “consolatori di Giobbe” vale a dire di persone interessate solo a scoprire quale peccato sia la causa di questa o quella malattia, di questa o quella situazione!

Quanto è meglio che le sofferenze altrui facciano appello a ciò che vi è di buono nel cuore del credente. simpatia, abnegazione, bontà, sopportazione, amore cristiano.

Molti sono coloro i quali invece di diffondere la buona notizia che Cristo è venuto a salvare, a guarire e liberare l’uomo dal peccato, si preoccupano di “alta teologia”. Vi sono tante opere che debbono e possono essere compiute unicamente nel tempo propizio … “mentre è ancora giorno”; diversamente saranno perdute per sempre!

Dunque, ammaestriamo il fanciullo mentre è ancora tale, cerchiamo di manifestare l’amore cristiano a coloro che ci circondano mentre essi sono ancora insieme a noi, doniamo a Dio e alla Sua causa tutte le nostre risorse e le nostre energie mentre ancora ne disponiamo …”la notte viene che nessuno può operare!” Stiamo camminando vigili, sobri, attenti …”come di giorno?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *