Salvezza

La salvezza dell’anima e del corpo

E se lo Spirito di colui che ha risuscitato Gesù dai morti abita in voi, colui che risuscitò Cristo dai morti vivificherà anche i vostri corpi mortali mediante il suo Spirito che abita in voi. (Romani 8:11)

Essere disubbidienti a Dio produce conseguenze terribili per tutti gli uomini. In mancanza di relazione con il suo Dio creatore, e abbandonato ai propri pensieri, l’uomo è perduto, morto agli occhi di Dio. Del resto, chi è scampato alla sentenza divina?

E l’Eterno DIO comandò l’uomo dicendo: «Mangia pure liberamente di ogni albero del giardino; ma dell’albero della conoscenza del bene e del male non ne mangiare, perché nel giorno che tu ne mangerai, per certo morrai». (Genesi 2:16-17)

Non dovrebbe essere necessario sottolineare la necessità di essere salvati da questa morte, e di conoscere personalmente la salvezza di Dio, la sua liberazione. Salvezza dell’anima che conosce una vita nuova ed eterna con il suo Dio; salvezza del corpo mediante la risurrezione, nell’attesa che sia reso simile a quello di Cristo.

Questa salvezza completa, perfetta, Gesù l’ha ottenuta per noi per mezzo della sua morte e della sua risurrezione. Gesù Cristo salva tutti coloro che si pentono dei loro peccati.

Oggi il cristiano può conoscere la realtà del vivere in Cristo e domani, se non sarà più in questo mondo, per lui morire significherà essere con Cristo. La sua anima salvata riposerà presso Gesù.

Per me infatti il vivere è Cristo, e il morire guadagno. Ma non so se il vivere nella carne sia per me un lavoro fruttuoso, né posso dire che cosa dovrei scegliere, perché sono stretto da due lati: avendo il desiderio di partire da questa tenda e di essere con Cristo, il che mi sarebbe di gran lunga migliore, ma il rimanere nella carne è più necessario per voi. (Filippesi 1:21-24)

Quando il Signore ritornerà per rapire la sua sposa, il corpo dei credenti viventi sulla terrà sarà mutato in un corpo glorificato e il corpo dei credenti defunti sarà risuscitato, e tutti entreranno nella casa del Padre.

Alla fine, Dio risusciterà anche il corpo di coloro che non hanno creduto per farli comparire davanti al trono del giudizio dove siederà Colui che voleva salvarli, ma al quale non hanno voluto credere. Così saranno perduti, nel rimpianto e nel tormento, lontani da Dio per sempre.
Oggi è ancora un giorno di salvezza. Ascolta Colui che ti invita … forse è l’ultima volta.

Se infatti la parola pronunziata per mezzo degli angeli fu ferma e ogni trasgressione e disubbidienza ricevette una giusta retribuzione, come scamperemo noi, se trascuriamo una così grande salvezza? Questa, dopo essere stata inizialmente annunziata dal Signore, è stata confermata a noi da coloro che l’avevano udita, mentre Dio ne rendeva testimonianza con segni e prodigi, con diverse potenti operazioni e con doni dello Spirito Santo distribuiti secondo la sua volontà. (Ebrei 2:2-4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *