Una cartomante esercitava la sua arte da molti anni con alti profitti perché non dichiarava mai al Fisco i suoi pur considerevoli introiti. Ma ecco che un giorno le sue carte e il suo pendolo la tradirono.

Ella non riconobbe i tre nuovi clienti venuti a consultarla: Il primo era il Capo servizio delle imposte dirette, il secondo un impiegato della Previdenza Sociale e il terzo un agente di polizia. Questa consultazione le costò molto cara.

34a1c_78d8Da questa piccola autentica storia, vogliamo trarre i seguenti insegnamenti: O queste sedicenti pratiche magiche non sono altro che un inganno, quindi uno specchietto d’allodole per gli sciocchi, e così i ciarlatani si arricchiscono a spese della credulità pubblica, oppure cosa infinitamente più grave, sfruttano un legame di comunicazione tra la veggente e le potenze occulte.

E’ profondamente triste pensare che tante persone si rivolgano, per conoscere il loro avvenire, a questi indovini. Dio condanna, severamente, queste pratiche nel modo più formale.

Non praticherete alcuna sorta di divinazione o di magia. (Levitico 19:26)

Non vi rivolgete agli spiriti, né agli indovini; non li consultate, per non contaminarvi a causa loro. (Levitico 19:31)

Se qualche persona si rivolge agli spiriti e agli indovini per prostituirsi andando dietro a loro, io volgerò la mia faccia contro quella persona, e la toglierò via dal mezzo del suo popolo. (Levitico 20:6)

Se un uomo o una donna sono negromanti o indovini dovranno essere messi a morte; saranno lapidati; il loro sangue ricadrà su di loro. (Levitico 20:27)

Non si trovi in mezzo a te chi fa passare suo figlio o sua figlia per il fuoco, né chi esercita la divinazione, né astrologo, né chi predice il futuro, né mago, né incantatore, né chi consulta gli spiriti, né chi dice la fortuna, né negromante, perché il SIGNORE detesta chiunque fa queste cose; a motivo di queste pratiche abominevoli, il SIGNORE, il tuo Dio, sta per scacciare quelle nazioni dinanzi a te. (Deuteronomio 18:10-12)

Se vi si dice: Consultate quelli che evocano gli spiriti e gli indovini, quelli che sussurrano e bisbigliano, rispondete: Un popolo non deve forse consultare il suo Dio? Si rivolgerà forse ai morti in favore dei vivi”? (Isaia 8:19)

L’avvenire appartiene solamente a Dio, e la sua Parola, la Bibbia, svela al credente ciò che deve conoscere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloInvia