Discepoli

La vita: un esame continuo

Chi è fedele nel poco, è fedele anche nel molto; e chi è ingiusto nel poco, è ingiusto anche nel molto. (Luca 16:10)

La vita del credente è fatta di dettagli, nei quali spesso veniamo colti in fallo. Alle volte preferiamo le piccole scappatoie alla verità, non vegliamo sui nostri stati d’animo, non vediamo le mille occasioni in cui potremmo mostrare del vero amore per il prossimo con una parole gentile o un piccolo servizio reso al momento opportuno. E’ così’ spianiamo la via agli errori più gravi.

Quando qualcuno si candida per ricoprire un ruolo di responsabilità del mondo del lavoro, non si meraviglia di dover superare dei test di memoria, di capacità decisionale, di fantasia …

Alcuni di questi test gli sembreranno infantili, ma coloro che li hanno concepiti li considerano come rivelatori del carattere e del comportamento del candidato. Allo stesso modo, Dio metto ognuno di noi alla prova nei dettagli.

Prendiamo ad esempio l’onestà: una frode nei confronti del fisco è sufficiente a dimostrare che, posti di fronte a una grande tentazione siamo tutti capaci di soccombere.

Per i nostri progenitori, il fatto di mangiare il frutto che Dio aveva loro vietato (Genesi 3:6) forse non ci sembrerà grave, ma in realtà è molto significativo perché mette in evidenza la sfiducia nei confronti di Dio, la disubbidienza, l’orgoglio, la concupiscenza … Per Dio la prova è stata sufficiente.

Il credente che ascolta Dio, è chiamato ad essere fedele nei piccoli fatti della sua vita quotidiana, attraverso i quali impara a conoscere se stesso, per non fidarsi del proprio cuore, e a conoscere Dio per amarlo e ubbidirgli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *