Chi, per essere un buon cristiano, incominciasse a imporsi con la forza delle rinunce, sbaglierebbe strada e ben presto si fermerebbe. La motivazione interiore di ogni rinuncia è l’amore per Cristo. Si rinuncia perché si ha Lui, si conosce Lui.

Anzi, ritengo anche tutte queste cose essere una perdita di fronte all’eccellenza della conoscenza di Cristo Gesù, mio Signore, per il quale ho perso tutte queste cose e le ritengo come tanta spazzatura per guadagnare Cristo, e per essere trovato in lui, avendo non già la mia giustizia che deriva dalla legge, ma quella che deriva dalla fede di Cristo: giustizia che proviene da Dio mediante la fede, per conoscere lui, Cristo, la potenza della sua risurrezione e la comunione delle sue sofferenze, essendo reso conforme alla sua morte, se in qualche modo possa giungere alla risurrezione dai morti. (Filippesi 3:8-11)

che_significa_vangeloE poi si continua a rinunciare a tante cose per essere d’esempio per il bene, per conoscere il Signore sempre meglio e per onorarlo sempre di più.

Lavatevi, purificatevi, togliete dalla mia presenza la malvagità delle vostre azioni, cessate di fare il male. Imparate a fare il bene, cercate la giustizia, soccorrete l’oppresso, rendete giustizia all’orfano, difendete la causa della vedova. Venite quindi e discutiamo assieme, dice l’Eterno, anche se i vostri peccati fossero come scarlatto, diventeranno bianchi come neve; anche se fossero rossi come porpora, diventeranno come lana. (Isaia 1:16-18)

La “legge della libertà” di cui parla Giacomo nella sua lettera, è quella che fa fare a un credente la volontà del Signore perché la conosce e trova il suo piacere nel compierla. Si ubbidisce alla legge della libertà quando la nostra volontà coincide con quella di Dio.

Non essere vinto dal male, ma vinci il male con il bene. (Romani 12:21)

I valori di questo mondo e le sue ambizioni sono un nemico mortale; un nemico che si oppone all’onestà, alla giustizia, al rigore morale. E quando “sorride” e si dimostra comprensivo e condiscendente, il mondo è ancora più pericoloso di quando combatte la sua guerra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloInvia