Discepoli

L’unità della famiglia

È meglio un tozzo di pane secco con la pace, che una casa piena di carni con la discordia. (Proverbi 17:1)

E’ naturale che l’unità della casa comincia dai genitori, perché non ci si può aspettare di avere l’unità in famiglia a meno che ci sia accordo tra marito e moglie. Accordatevi tra voi due in merito all’amministrazione del denaro, alla disciplina dei figli, al comportamento verso gli estranei e altri particolari. Non discutete mai in presenza dei figli.

E’ naturale che abbiate idee diverse, ma imparate a non parlarne davanti ai figli. Anche se sono piccoli non mostrate il disaccordo che può sorgere tra voi.

“Una casa divisa non dura” anche nelle case cristiane si avverte la mancanza di disciplina, ma la disciplina è necessaria per la crescita e lo sviluppo del bambino.

Ci sono bambini che corrono da un genitore all’altro per evitare una giusta punizione, ma qui ci vuole fermezza, di tutte e due i genitori e, se tu non sei d’accordo per la punizione da dare, non mostrarlo al bambino, piuttosto siate concordi, compassionevoli, pieni di amore, misericordiosi e umili.

Figlio mio, non disprezzare la punizione dell’Eterno e non detestare la sua correzione, perché l’Eterno corregge colui che egli ama, come un padre il figlio che gradisce. (Proverbi 3:11-12)

Possono essere delle piccole disubbidienze, degli errori che devono essere chiariti, ma quando un bambino deliberatamente disubbidisce ad alcune regole fissate, una punizione è necessaria. Se il padre è spesso assente, tocca alla madre correggere certe situazioni col timore di Dio. Evita di promettere punizioni che poi non darai. Indebolirebbero la tua autorità ed anche il rispetto per te.

Quando hai fatto uno promessa mantienila nel limiti del possibile, se la cosa desiderata dal figlio non puoi dargliela in quel momento, dagli qualcosa in cambio che gli faccia piacere.

Una cosa importante è non punire i figli quando si è irritati. Ci sono modi diversi per insegnare al figlio come comportarsi.

Alcune madri cristiane che sanno come usare la “vergo” quando è necessario concludono sempre con un’affettuosa esortazione. Disse un neurologo che alcuni casi di bambini ribelli erano dovuti alla mancanza di disciplina. Quando i nostri figli si comportano bene puoi chiedere agli altri bambini di fare altrettanto.

Se c’è mancanza di rispetto in casa ci sarà anche nella chiesa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *