Dio creò l’uomo a sua immagine; lo creò a immagine di Dio; li creò maschio e femmina. (Genesi 1:27)

Durante una trasmissione televisivi, un bambino fece questa domanda: Che differenza c’è fra l’uomo e l’animale?

La risposta affermava anzitutto che l’uomo fa parte del regno animale. Poi si precisava che egli ha la capacità di fare delle astrazioni, ha un linguaggio e una vita sociale molto sviluppati. Poi, che i grandi mammiferi sono in grado di amare, possono soffrire, avere dei ricordi, provare delle emozioni, avere percezioni intelligenti …  E alcuni pensatori hanno ipotizzato che l’uomo sarebbe una specie di grande scimmia!

Ma cosa dice la Scrittura, il libro del nostro Creatore?

Il libro della Genesi afferma che ogni animale ha un’anima vivente, cioè un principio di vita che prende fine alla morte.

A ogni animale della terra, a ogni uccello del cielo e a tutto ciò che si muove sulla terra e ha in sé un soffio di vita, io do ogni erba verde per nutrimento». E così fu. (Genesi 1:30)

Ma Dio ha creato l’uomo a sua immagine, gli ha dato il dominio su ogni essere vivente e gli ha soffiato “un alito vitale”, lo spirito dell’uomo che lo rende capace di entrare in relazione con Lui.

Poi Dio disse: «Facciamo l’uomo a nostra immagine, conforme alla nostra somiglianza, e abbiano dominio sui pesci del mare, sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutta la terra e su tutti i rettili che strisciano sulla terra». (Genesi 1:26)

Dio il SIGNORE formò l’uomo dalla polvere della terra, gli soffiò nelle narici un alito vitale e l’uomo divenne un’anima vivente. (Genesi 2:7)

Questa relazione è stata interrotta quando l’uomo, Adamo, ha disubbidito. A causa del peccato, la sentenza di morte passa su tutta la sua discendenza.

… per mezzo di un solo uomo il peccato è entrato nel mondo e per mezzo del peccato la morte, così la morte si è estesa a tutti gli uomini, perché tutti hanno peccato … (Romani 5:12)

Ma lo spirito e l’anima continuano ad esistere dopo la morte del corpo.

Fra tutte queste creature chi non sa che la mano dell’Eterno ha fatto questo? Egli ha nelle sue mani la vita di ogni cosa vivente e lo spirito di ogni essere umano. (Giobbe 12:9-10)

Noi non siamo degli animali, ma esseri umani responsabili, creati, conosciuti e dotati da Dio, che vuole sempre la nostra felicità eterna. Poiché siamo colpevoli e responsabili dei nostri peccati davanti al Dio santo, ascoltiamo il suo messaggio.

Poiché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. (Giovanni 3:16)