Chi mai dice qualcosa che poi si avvera, se il Signore non l’ha comandato? (Lamentazioni 3:37)

Su una pagina di un giornale locale si legge questo titolo a grossi caratteri: “Una miracolata”. L’autore dell’articolo riferisce un incidente avvenuto il giorno prima. Egli non fa il nome della persona coinvolta.

Una semplice distrazione e la vettura era finita fuori strada; in quel punto la strada costeggia una ripida scarpata. Trenta metri più in basso scorre un fiume. Dalla vettura distrutta e capovolta viene estratta la vittima, ferita ma viva. Il giornalista conclude: “Salvata dalla cintura di sicurezza”.

Come credenti, sebbene ben consapevoli dell’efficacia della cintura, diremo piuttosto: “Salvata da Dio”. Dio è onnipotente e mostra la sua potenza, qualsiasi possa essere lo strumento di cui si serve. La nostra visuale è limitata. Sovente confondiamo i mezzi con la mano che li utilizza.

Ebbene, io ti dico che in questo non hai ragione, perché Dio è più grande dell’uomo. Perché contendi con lui, dato che egli non rende conto di alcuno dei suoi atti? (Giobbe 33:12-13)

Non lasciatevi ingannare, fratelli miei carissimi; ogni buona donazione e ogni dono perfetto vengono dall’alto e discendono dal Padre dei lumi, presso il quale non vi è mutamento né ombra di rivolgimento. (Giacomo 1:16-17)

Facciamo attenzione a non attribuire al caso questo o quell’avvenimento. Il caso non esiste.

Il cielo e la terra sussistono fino al giorno d’oggi, perché ogni cosa è al tuo servizio. (Salmi 119:91)