La mia voce si eleva a DIO e grido; la mia voce si eleva a DIO ed egli mi darà ascolto. (Salmi 77:1)

“Dire una preghiera” è un’espressione talvolta usata in modo ironico, per fare uno scongiuro, come se fosse una forma di superstizione. La preghiera può essere la formula “magica” di chi si augura un esito favorevole di un progetto o di un desiderio?

preghiera2Vi sono molti che ricorrono alla preghiera come ultima risorsa, consapevoli della loro incapacità a risolvere un determinato problema. Ma è questo non è pregare! La preghiera non è un insieme di frasi imparate a memoria e ripetute come una litania. E’ un vera comunicazione, una conversazione con Dio.

E’ l’espressione di fiducia verso una persone che si conosce, con la quale condividere ogni momento della propria giornata, le tristezze e le gioie, come si fa con un amico, un fratello o un genitore. Conoscere Dio in questo modo, affidando a lui la nostra vita, accettando l’amore e la salvezza che ci offre ogni giorno, dovrebbe spingerci a dire grazie in ogni nostra preghiera e sottoporgli ogni nostra preoccupazione.

Nessun problema e troppo piccolo o troppo grande per Lui. Avere una relazione come questa, con il Creatore del cielo e della terra, è un grande privilegio e nessun essere umano, istituzione o altro dovrebbe prendere il suo posto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloInvia