Crescita spirituale

Opere buone

Infatti è per grazia che siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non viene da voi; è il dono di Dio. Non è in virtù di opere affinché nessuno se ne vanti; infatti siamo opera sua, essendo stati creati in Cristo Gesù per fare le opere buone, che Dio ha precedentemente preparate affinché le pratichiamo. (Efesini 2:8-10)

Certamente le opere buone non procurano la salvezza. Cercare di meritare la salvezza attraverso buone opere è come mettere il proverbiale “carro davanti ai buoi”, poiché esse non sono la sorgente della salvezza ma il frutto della salvezza.

Colui che ha felicemente sperimentato nella salvezza la grazia di Dio certamente avrà il desiderio di compiere delle buone opere, e a questo s’impegnerà. Esse sono la conseguenza di una vera fede. Se uno dice di avere fede ma è privo di opere buone non ha una fede vivente ma una fede morta.

Insensato! Vuoi renderti conto che la fede senza le opere non ha valore? Abraamo, nostro padre, non fu forse giustificato per le opere quando offrì suo figlio Isacco sull’altare? (Giacomo 2:20-21)

Chi ha una fede viva sarà zelante nelle buone opere.

Egli ha dato se stesso per noi per riscattarci da ogni iniquità e purificarsi un popolo che gli appartenga, zelante nelle opere buone. (Tito 2:14)

Certa è quest’affermazione, e voglio che tu insista con forza su queste cose, perché quelli che hanno creduto in Dio abbiano cura di dedicarsi a opere buone. Queste cose sono buone e utili agli uomini. (Tito 3:8)

Questo sottintende che vi possono essere degli impedimenti, ma il credente che ha la nuova vita e desidera onorare il suo Salvatore deve far uso delle risorse che Dio gli ha dato per perseverare nel bene.

Una giusta e costante applicazione della Sacra Scrittura alla nostra vita farà si che: … l’uomo di Dio sia completo e ben preparato per ogni opera buona. (2 Timoteo 3:16-17)

D.J.Oberg