Oppressioni

Il giorno seguente, una grande folla che era venuta alla festa, udito che Gesù veniva a Gerusalemme, prese dei rami di palme e uscì incontro a lui, gridando: «Osanna! Benedetto colui che viene nel nome del Signore, il re d’Israele!». (Giovanni 12:12-13)

L’entrata trionfale di Gesù, su un puledro d’asina, in Gerusalemme, è ricordata anche da coloro che si accostano alla Bibbia in modo soltanto superficiale. Le gente esclamava: “Osanna! Benedetto colui che viene nel nome del Signore, il re d’Israele!”.

Nella loro esclamazione viene espressa tutta la gioia di un popolo che riteneva, finalmente, di aver trovato il Messia promesso, vi era espressa tutta la frenetica rabbia contro l’oppressore, era insomma il grido di Osanna a Colui che li avrebbe liberati dal giogo di Roma.

Anche oggi gli uomini stanno subendo una forte oppressione da parte dei governi di tutto il mondo, e presto arriverà un  “liberatore”, che sarà osannato dai popoli oppressi.

Ma, ahimè, non sarà un vero liberatore. Sarà l’anticristo, l’uomo del peccato, l’usurpatore del trono di Cristo, che perseguiterà e ucciderà tutti coloro che non lo adoreranno.

Allora sarà manifestato quell’empio, che il Signore distruggerà col soffio della sua bocca e annienterà all’apparire della sua venuta. La venuta di quell’empio avverrà per l’azione di satana, accompagnata da ogni sorta di portenti, di segni e di prodigi bugiardi, e da ogni inganno di malvagità per quelli che periscono, perché hanno rifiutato di amare la verità per essere salvati. (2 Tessalonicesi 2:8-10)

Gesù Cristo, il vero Messia, è stato crocifisso e poi è risuscitato per liberare l’umanità dalla schiavitù del peccato. Adesso siede alla destra del Padre e sta per tornare per portare via da questo mondo tutti coloro che hanno creduto in Lui e che hanno scelto di seguirlo. Solamente dopo ritornerà con il suo esercito per distruggere l’anticristo, il falso profeta e i suoi seguaci.

Oggi sei ancora in tempo, puoi scegliere di seguire Gesù, lui ti ama e vuole salvarti.

Ecco, io sto alla porta e busso, se qualcuno ode la mia voce ed apre la porta, io entrerò da lui, e cenerò con lui ed egli con me. (Apocalisse 3:20)

Leave a Reply