Quando Dio ci interpella

Il celebre scrittore americano Mark Twain parlava un giorno della Bibbia con un suo amico. Quest’ultimo gli disse: “Ciò che mi turba nella Bibbia, è tutto ciò che non comprendo“. “Per me” –  rispose Twain – “è esattamente il contrario; ciò che mi turba nella Bibbia, è ciò che noi comprendiamo molto bene, ma di…

Dettagli

Una lettera di Dio per me

Cresciuta in una famiglia cristiana, andavo in chiesa coi miei genitori, pregavo, leggevo la Bibbia. Mio padre mi diceva spesso che non si diventa cristiani perché si hanno dei genitori cristiani, ma per la fede personale. Tuttavia mi chiedevo spesso: se i miei genitori fossero stati induisti o buddisti o musulmani, lo sarei stata anch’io…

Dettagli

Gesù, Signore di tutti

Anticamente, l’imperatore romano rivendicava il titolo di Signore. Si diceva che incarnava lo spirito di Roma, che era divino. Una volta all’anno, ogni cittadino dell’impero doveva passare davanti ai magistrati e bruciare un pizzico d’incenso davanti a un busto dell’imperatore dichiarando “Cesare è Signore”. I primi cristiani non potevano dirlo! Per loro come pure per…

Dettagli

Il credente è fatalista?

Il fatalismo, ci dice il dizionario, considera tutti gli eventi come irrevocabilmente fissati in anticipo da una causa unica e sovrannaturale. L’uomo fatalista si persuade che tutti i dettagli della sua vita sono definiti in anticipo dal destino, per cui egli non può far nulla per cambiarli e di conseguenza accetta passivamente tutto ciò che…

Dettagli