Diritto di veto

La parola latina “veto”, che significa “mi oppongo”, è adoperata per designare il diritto riconosciuto ad un’autorità di opporsi a una decisione presa da un’altra autorità. Nella Roma antica, i magistrati chiamati tribuni della plebe potevano così opporsi ai decreti del Senato o dei consoli. Se l’autorità investita da questo diritto di veto è saggia…

Dettagli

Il nostro corpo. Un oggetto?

La parola “corpo” designa in linea generale qualsiasi oggetto fatto di materia, percepibile al tatto e alla vista. Ma per il corpo umano questa definizione non è sufficiente, perché il corpo partecipa a tutte le nostre azioni e ai nostri sentimenti, vive le vicende e le emozioni della nostra vita, dalla nascita alla morte. La nostra storia,…

Dettagli

Confida nell’Eterno

Un filosofo, non credente, aveva al suo servizio una collaboratrice domestica credente. Più di una volta si era irritato perché ella aveva l’abitudine di cantare dei cantici spirituali. Un giorno egli ebbe a cuore di parlare della grandezza dello spirito umano, concludendo che la scienza era ormai in grado di provvedere a tutto. Ella non…

Dettagli

Corpo, anima e spirito

Alcuni anziani hanno un bel viso. Certamente è solcato di rughe, ma emana una bellezza interiore. Allo stesso modo, in una persona buona e generosa, dedita agli altri e capace di perdonare, percepiamo che il suo viso, anche se non bello, brilla di una luminosa bellezza perché riflette gioia e serenità. Ma il viso, anche…

Dettagli

Il migliore dei mondi

Udii una gran voce dal trono, che diceva: “Ecco il tabernacolo di Dio con gli uomini! Egli abiterà con loro, essi saranno suoi popoli e Dio stesso sarà con loro e sarà il loro Dio. Egli asciugherà ogni lacrima dai loro occhi e non ci sarà più la morte, né cordoglio, né grido, né dolore,…

Dettagli

Vittoria sulla morte

L’uomo, non potendo vincere la morte, ha deciso di non pensarvi più. (Pascal) Questa decisione lo conduce a cercare diverse via di fuga: evasione nel lavoro, nello sport, o in mille altre direzioni. Fino a rifugiarsi nella falsa speranza della reincarnazione. E come è stabilito che gli uomini muoiano una sola volta, e dopo ciò…

Dettagli

Liberi di fare il bene

Chi, per essere un buon cristiano, incominciasse a imporsi con la forza delle rinunce, sbaglierebbe strada e ben presto si fermerebbe. La motivazione interiore di ogni rinuncia è l’amore per Cristo. Si rinuncia perché si ha Lui, si conosce Lui. Anzi, ritengo anche tutte queste cose essere una perdita di fronte all’eccellenza della conoscenza di…

Dettagli

L’apparente assenza di Dio

Ma quasi inciamparono i miei piedi; poco mancò che i miei passi non scivolassero. (Salmo 73:2) Leggendo i Salmi, scopriamo dei testi singolarmente attuali! I loro autori hanno vissuto le nostre stesse speranze e le stesse angosce. Hanno conosciuto la povertà, la malattia, la solitudine, l’incomprensione, le beffe… Si sono posti molte domande sull’apparente assenza…

Dettagli

Un bilancio lucido e lungimirante

Alla radio, durante una trasmissione nella quale gli uditori intervengono in diretta, una frase ha colpito l’attenzione di un ascoltatore: “Nel timore che incute l’avvenire, nella paura della distruzione generale, ogni gruppo umano, sia esso geografico, etnico, linguistico o religioso, cerca di raggrupparsi per sopravvivere opponendosi agli altri in un riflesso di difesa. Ma ciò…

Dettagli