L’abito della domenica

Quando eravamo piccoli, si andava in Chiesa la domenica, vestiti coi nostri abiti più belli. Al ritorno, prima di sederci a tavola, bisognava “cambiarsi”. Durante la settimana, ci si accontentava, ed era ovvio, dell’abito “di tutti i giorni”. Quanti giorni, nel corso della settimana, indossiamo “l’abito della domenica”, cioè: per quanti giorni viviamo con l’atteggiamento…

Dettagli

Segnali stradali

Nello scompartimento, la conversazione si prolunga. “I cristiani – dice il giovane di cui abbiamo parlato ieri – i veri discepoli, cioè coloro il cui cristianesimo non si limita a delle semplici pratiche religiose, ma corrisponde a un impegno interiore, sono come dei segnali stradali che indicano Gesù. Un segnale può essere sbiadito, messo un…

Dettagli

Conversazione sul treno

Un giovane studente cristiano ogni fine settimana ritornava in treno a casa dei genitori, e conversava volentieri con coloro che si trovavano nel suo scompartimento. Egli sapeva cogliere le occasioni che si presentavano per parlare di Gesù, che lui conosceva come suo Salvatore e suo vero Amico. Un giorno, circa quindici anni fa, dopo qualche…

Dettagli

Gesù tra noi

Nei Vangeli, sono messi in rilievo i diversi caratteri del Signore Gesù. Possiamo contemplarlo come Dio e uomo in una sola Persona. Uno, nella gloria eterna, col Padre e con lo Spirito Santo, e nondimeno effettivamente uomo nato da donna. Così possiamo contemplarlo successivamente come Figlio di Dio, Messia, il Figlio dell’uomo, Figlio di Davide,…

Dettagli

Umiltà e mansuetudine

Fate ogni cosa senza mormorii e senza dispute. (Filippesi 2:14) Un giorno tra i discepoli del Signore sorse una disputa per sapere chi di loro fosse il più grande. Gesù allora prese un bambino e lo presentò loro come espressione di umiltà, di debolezza e di dipendenza. Per entrare nel regno dei cieli bisogna diventare…

Dettagli

Il Creatore e la sua creatura

Quando Dio creò l’uomo lo fece a sua immagine. L’intenzione divina era di poter intrattenere delle relazioni di fiducia con la sua creatura. Non ha creato un essere munito solo del proprio istinto naturale, un essere programmato per rispondere sempre esattamente alla volontà del suo Creatore. L’uomo sarebbe stato in questo caso un robot che…

Dettagli