Piedistallo

Perché chiunque si innalza sarà abbassato, e chi si abbassa sarà innalzato. (Luca 14:11)

In onore del più illustre dei suoi figli, Ajaccio mostra al turista un impressionante monumento. Sul piano inclinato che ne costituisce lo zoccolo, è stato inciso il seguente omaggio: “Napoleone I, Imperatore dei Francesi: L’abbiamo visto scalare superbo i primi gradini dei cieli”.

Che Bonaparte, partito dal basso, abbia raggiunto in pochi anni l’apice della grandezza umana, è cosa che non finisce di stupire le generazioni. La sua gloria terrena è incontestabile, poiché è ben vero che il mondo appartiene ai “superbi”; ma non certo i cieli, contrariamente all’affermazione pretenziosa!

Umiliatevi davanti al Signore, ed egli vi innalzerà. (Giacomo 4:10)

I valori umani come l’intelligenza, il brio, i successi, sono considerati come dei gradini per accedere alla gloria. La Bibbia, però, ci insegna precisamente l’inverso, adoperando il più grande degli esempi: prima di salire al cielo, Gesù ha cominciato ad abbassarsi.

Abbiate in voi lo stesso sentimento che già è stato in Cristo Gesù, il quale, essendo in forma di Dio, non considerò qualcosa a cui aggrapparsi tenacemente l’essere uguale a Dio, ma svuotò se stesso, prendendo la forma di servo, divenendo simile agli uomini; e, trovato nell’esteriore simile ad un uomo, abbassò se stesso, divenendo ubbidiente fino alla morte e alla morte di croce. Perciò anche Dio lo ha sovranamente innalzato e gli ha dato un nome che è al di sopra di ogni nome, affinché nel nome di Gesù si pieghi ogni ginocchio delle creature (o cose) celesti, terrestri e sotterranee, e ogni lingua confessi che Gesù Cristo è il Signore, alla gloria di Dio Padre. (Filippesi 2:5-11)

Egli ha messo da parte la Sua gloria personale, è sceso sulla terra per compiere, nell’umiliazione, la salvezza dell’umanità. Allora solamente è risalito, non di qualche gradino, ma al di sopra di tutti i cieli.

Colui che è disceso è lo stesso che è anche salito al di sopra di tutti i cieli, per riempire tutte le cose. (Efesini 4:10)

Per noi, il primo passo verso il cielo consiste esattamente nel discendere dal nostro piedistallo, cioè nei rinunciare all’alta opinione di noi stessi. Solamente allora potremo trovare, in Gesù Cristo, il vero cammino dei cieli.

Leave a Reply