Discepoli

Qual è la vera grandezza?

E Gesù, chiamatili a sé, disse: «Voi sapete che i sovrani delle nazioni le signoreggiano e che i grandi esercitano il potere su di esse, ma tra di voi non sarà così; anzi chiunque tra di voi vorrà diventare grande sia vostro servo; e chiunque tra di voi vorrà essere primo sia vostro schiavo. (Matteo 20:25-27)

Certi personaggi della storia come Alessandro il Grande, Luigi il Grande, Federico il Grande e altri, sono stati definiti “grandi” da parte dei loro contemporanei e chiamati così dalle successive generazioni. Occupano molte pagine dei libri di storia, e molti monumenti sono dedicati a loro.

Ma il loro nome è scritto nei cieli? In fondo, è questa l’unica cosa che conta riguardo all’eternità. Credere nel Signore Gesù vuol dire ricevere in dono la vita eterna, vuol dire avere il proprio nome scritto nei cieli.

I “grandi” di questo mondo, sono chiamati così per i loro successi, spesso raggiunti in guerra, a costa della perdita di migliaia di vite, per la conquista di nuove terre e per ottenere il dominio su altri popoli. Attenzione però; il criterio utilizzato nel regno di Dio per stabilire la grandezza è decisamente diverso. Grande non è colui che domina sugli altri, ma colui che li serve, perché per Dio la vera grandezza è l’amore!

L’amore di Dio non lo si esprime solo a parole o con i sentimenti, ma lo si dimostra con dei fatti concreti di bontà, giustizia e di verità.

Gesù è stato l’esempio perfetto di quell’amore, servendo gli altri e amandoli fino a donare la sua vita per salvare tutti coloro che credono in Lui. Fin dalla nascita è stato detto di Lui:  “Egli sarà grande e sarà chiamato Figlio dell’Altissimo” (Luca 1:32); è per esserlo è stato: “ubbidiente fino alla morte” (Filippesi 2:8) a Dio che lo aveva mandato.

Perciò Dio lo ha sovranamente innalzato e gli ha dato il nome che è al di sopra di ogni nome, affinché nel nome di Gesù si pieghi ogni ginocchio nei cieli, sulla terra, e sotto terra, e ogni lingua confessi che Gesù Cristo è il Signore, alla gloria di Dio Padre. (Filippesi 2:9-11)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *