Crescita spirituale

Scrupolosità

Le mosche morte fanno puzzare l’olio del profumiere: così un po’ di follia guasta il pregio della sapienza e della gloria. (Ecclesiaste 10:1)

La scrupolosità è la capacità di curare i particolari, di non essere grossolani e approssimativi; è una virtù sempre più rara ai nostri giorni, soprattutto quando la si ricerca nella condotta morale cui l’uomo dovrebbe attenersi. Siamo sempre più convinti che le piccole cose non sono determinanti e che vivere con approssimazione non è poi un delitto.

Le mezze verità, l’infedeltà, la buffoneria, la furbizia ed altre simili cose, vengono tollerate e giustificate da molti, il motto che sembra guidarci è “tutti lo fanno allora non è sbagliato”.

La Bibbia, Parola di Dio, c’invita a riflettere sulle conseguenze che le “piccole cose”, qui paragonate “alle mosche morte”, che sappiamo essere negative, possono avere sul “profumo della nostra vita”.

Molti sono davanti all’evidenza del prodotto guasto nella loro vita dalla mancanza di scrupolosità, guasto a cui viene resa testimonianza dal “cattivo odoro”, che sale alle nostre narici dal vaso che doveva far salire “il profumo della vita”, che a motivo di questa trascuratezza prima comincia a “puzzare” e poi “imputridisce”, prende cioè l’odore caratteristico della morte.

L’invito davanti al quale ci troviamo oggi è: prendere una decisione profonda per essere cristiani, non solo in alcuni aspetti ma in ogni angolo della nostra esistenza. Dobbiamo essere cristiani in chiesa, sul posto di lavoro, nelle sfere della società in cui siamo chiamati ad operare, e soprattutto dobbiamo esserlo nella nostra famiglia che è il luogo migliore per testare quanto e fino a che punto abbiamo creduto.

Oggi preghiamo affinché il Signore ci dia grazia di valutare profondamente il nostro comportamento e, se abbiamo fino ad oggi tollerato “mosche morte”, con l’aiuto fornitaci dalla sua grazia afferiamole e gettiamole via il più lontano possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *