Discepoli

Servitori dell’Altissimo

Ed ecco, tu concepirai nel grembo e partorirai un figlio, e gli porrai nome Gesù. Egli sarà grande e sarà chiamato Figlio dell’Altissimo; e il Signore Dio gli darà il trono di Davide, suo padre; e regnerà sulla casa di Giacobbe in eterno, e il suo regno non avrà mai fine». (Luca 1:31-33)

Il tempo stabilito da Dio era giunto, e finalmente il Messia promesso stava per entrare nel mondo. L’angelo Gabriele appare a Maria e le annuncia che sarà proprio lei a portare in grembo il Figlio di Dio. Maria è comprensibilmente titubante perché è vergine. Allora l’angelo le rivela il piano divino.

E l’angelo, rispondendo, le disse: «Lo Spirito Santo verrà su di te e la potenza dell’Altissimo ti adombrerà; pertanto il santo che nascerà da te sarà chiamato Figlio di Dio. (Luca 1:35)

Che cosa meravigliosa essere degli strumenti che adempiono i disegni di Dio! E Maria, con la sua sottomissione e la sua devozione, è stata uno di quelli strumenti. Come Maria era pronta a compiere la volontà del suo Signore, anche noi abbiamo il privilegio di far parte dei piani di Dio.

In che modo ci mettiamo a sua disposizione? E ben visibile il nome di Cristo nella nostra quotidianità? Ci applichiamo con gioia a “fare le opere buone, che Dio ha precedentemente preparate affinché le pratichiamo (Efesini 2:10).

Certo il privilegio di Maria è toccato solo a una donna nella storia dell’umanità; ma ognuno di noi, ogni giorno, in qualunque luogo e situazione si trovi, ha il privilegio di onorare il proprio Salvatore, il Figlio di Dio venuto sulla terra per espiare i nostri peccati e per offrire a chiunque crede in Lui la vita eterna.

Che il Signore ci dia di essere maggiormente zelanti nel ricercare la sua volontà per compierla in favore dei bisognosi, per l’evangelizzazione e alla gloria del Signore.

Io infatti vi ho dato l’esempio, affinché come ho fatto io facciate anche voi. In verità, in verità vi dico: Il servo non è più grande del suo padrone, né il messaggero più grande di colui che l’ha mandato. Se sapete queste cose, siete beati se le fate. (Giovanni 13:15-17)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *