Thomas Edison, il celebre inventore americano, era un credente che conosceva bene la Bibbia e non si vergognava della sua fede. Condivideva la speranza dei credenti di partecipare un giorno ad un avvenimento più stupefacente della la scoperta dell’elettricità, che avrebbe messo in opera una potenza maggiore di quella connessa a tutte le onde che aveva scoperto.

Aspettava con fiducia il rapimento dei credenti, da parte del Signore Gesù Cristo, fatto di cui aveva parlato davanti ai suoi colleghi di laboratorio. Costoro credendo di metterlo in difficoltà, gli posero la domanda:

“Spiegaci un po’ come farà Dio a stabilire chi non è un credente e chi lo è, a scegliere tra noi e te, per esempio”.

imagesCAXE966GAllora Edison mescolò accuratamente, in una scatola, della sabbia fine e della limatura di ferro. Spostò in seguito al di sopra di questa miscela, e per tutta la lunghezza della scatola senza il suo coperchio, una grossa calamita.

Solo le particelle di ferro furono attirate da essa. “Ecco, rispose, come si può configurare il rapimento dei credenti. Tutti coloro che hanno la vita di Dio saranno attirati nell’aria a incontrare Cristo”.

Bella immagine che ricorda ciò che leggiamo nella Bibbia:

Tuttavia il solido fondamento di Dio rimane fermo, portando questo sigillo: «Il Signore conosce quelli che sono suoi», e «Si ritragga dall’iniquità chiunque pronuncia il nome del Signore». (2 Timoteo 2:19)

Così, se il credente sarà in vita alla venuta del Signore Gesù, sarà mutato, il suo corpo sarà trasformato in corpo spirituale e poi rapito. Se è morto, già nel riposo, raggiungerà il suo corpo; così anche lui se ne andrà per essere per sempre col Signore.

Poiché questo vi diciamo mediante la parola del Signore: che noi viventi, i quali saremo rimasti fino alla venuta del Signore, non precederemo quelli che si sono addormentati; perché il Signore stesso, con un ordine, con voce d’arcangelo e con la tromba di Dio, scenderà dal cielo, e prima risusciteranno i morti in Cristo; poi noi viventi, che saremo rimasti, verremo rapiti insieme con loro, sulle nuvole, a incontrare il Signore nell’aria; e così saremo sempre con il Signore. (1 Tessalonicesi 4:15-17)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloInvia