Chiesa

Vivi o morti?

E all’angelo della chiesa in Sardi scrivi: queste cose dice colui che ha i sette Spiriti di Dio e le sette stelle. Io conosco le tue opere; tu hai la reputazione di vivere, ma sei morto. (Apocalisse 3:1)

Viene raccontata la storia di un soldato tedesco che fu ferito e ricevette l’ordine di andare presso l’ospedale militare per essere curato. Quando giunse al grande edificio notò che c’erano due porte, su una c’era l’indicazione “Per i feriti gravi”, sull’altra “Per i feriti lievi”. entrò in quest’ultima e si trovò a percorrere un lungo corridoio alla fine del quale trovò altre due porte: “Per ufficiali” e “Per non-ufficiali”. Entro nella seconda.

Ancora un lungo corridoio e poi ancora altre due porte, sulle quali ora c’era scritto: “Per membri del gruppo” su una, e “per i non-membri del gruppo” sull’altra. Entrò attraverso questa seconda, camminò ancora ed alla fine si trovò … sulla strada.

Quando il soldato tornò a casa, gli chiesero: “Come è andata all’ospedale?”. “Beh”, rispose lui, “a dire il vero, non hanno fatto molto per me, ma vedeste come sono organizzati!”

Molti credenti sono bene organizzati, tutto è sotto controllo e schematizzato, ma in realtà lo sbocco finale è l’inutilità. A meno che non sia lo Spirito Santo e la Parola di Dio a condurre ogni cosa e la vita di una persona, cominciando con la rigenerazione per fede in Cristo, tutto è inutile.

Può sembrare che ci sia attività e vita, ma in realtà c’è morte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *