Voglio avere, gli altri danno

Ordina ai ricchi di questo mondo di non essere orgogliosi, di non riporre la loro speranza nell’incertezza delle ricchezze, ma nel Dio vivente, il quale ci offre abbondantemente ogni cosa per goderne, di fare del bene, di essere ricchi in buone opere, di essere generosi e di essere pronti a dare, mettendo in serbo per se stessi un buon fondamento per l’avvenire, per afferrare la vita eterna. (1 Timoteo 6:17-19)

Sembra che le persone abbiano dimenticato il significato di dare con allegria. Si racconta la storia di un poliziotto al quale chiesero: “Che cosa fa per disperdere la moltitudine?”. L’uomo rispose: “Inizio a chiedere un’offerta, di sicuro vanno via tutti!”.

E’ la verità; le persone non pensano ad offrire qualcosa, ma pensano sempre ad avere. I loro interessi sono sempre al primo posto. Non si tratta solo di soldi, tutti vogliono che tutto sia fatto dagli altri, tutti vogliono che gli altri facciano il primo passo, tutti devono fare quello che loro non vogliono fare.

Quando vogliamo ricevere una benedizione da Dio siamo tutti in prima linea, ma dove siamo quando bisogna fare qualcosa per Lui? La Parola di Dio ci insegna che Dio ama chi offre con allegria, non solo denaro, ma tempo, passione, eccellenza, talenti ecc.

A quale categoria appartieni: a chi offre con allegria o chi vuole con allegria? Se ha risposto “offrire con allegria”, esamina bene questo: soprattutto se offri quello che non ti costa, il superfluo di quello che hai e la mediocrità in quello che fai, perché, a quel punto, dare non vale niente.

Semina per il tuo giardino, e permetti anche agli altri di mangiare del tuo frutto; dando generosamente, riceverai abbondantemente!

Leave a Reply