Avvedutezza

Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora. (Matteo 25:13)

Due credenti si recarono, una sera d’inverno, a far visita ad una coppia di fedeli. Seduti intorno ad un tavolo, discutevano dei problemi che si incontrano nel cammino spirituale ed ognuno di loro narrava delle esperienze vissute. Tra una parola e l’altra mangiavano della frutta secca: datteri e noci.

Fuori si stava scatenando un terribile temporale con lampi e tuoni. Dentro regnava la calma. Ad un certo punto la padrona di casa si alzò, ritrornando, dopo un po’, con una grossa lampada a pile. Prima di poter fare alcuna domanda, la luce andò via. I presenti si guardarono in faccia e tutti stavano pensando alla stessa cosa: alla parabola delle dieci vergini (Matteo 25:1-13)

Nell’attesa del ritorno di Gesù, la nostra prima occupazione sia quella di vegliare per non essere colti impreparati. Teniamo sempre a portata di mano la lampada spirituale, perché non sappiamo né il giorno né l’ora in cui gesù verrà a prenderci!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *