Gesù, il Cristo

Poi Gesù, giunto nei dintorni di Cesarea di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «Chi dice la gente che sia il Figlio dell’uomo?» Essi risposero: «Alcuni dicono Giovanni il battista; altri, Elia; altri, Geremia o uno dei profeti». Ed egli disse loro: «E voi, chi dite che io sia?» Simon Pietro rispose: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente». (Matteo 16:13-16)

Gesù ha fatto questa domanda ai suoi discepoli, ma è come se la facesse oggi, personalmente, ad ognuno di noi. Chi è Gesù per te? E’ inutile nascondersi dietro all’opinione dei più, o a quella di un filosofo, di uno storico o di un religioso. I discepoli alla domanda di Gesù, riferirono l’opinione della gente: “è un profeta, è una persona per bene, uno che ha proposto una morale molto pura”.

Qualcuno lo ponte tra i grandi della storia dell’umanità: si parla della sua dottrina, del suo amore, dei suoi miracoli. Gesù, però, c’invita a prendere personalmente coscienza di Lui: “Chi sono io per te?” E’ il tuo Salvatore, colui che ha sofferto per te, colui che ha portato i tuoi peccati e che, per mezzo del suo sacrificio sulla croce, ha compiuto l’opera che ti fa scampare dal giudizio di Dio?

E’ per te il Signore, a cui cono dovuti il timore e l’ubbidienza, colui che deve dirigere la tua esistenza? E’ la persona per la quale tu vuoi vivere, perché è morto per te, pagando il prezzo di riscatto per la tua vita? Stai camminando lungo la strada nella quale ti ha preceduto e in cui ti chiede di seguirlo? Che è Gesù per te?