I nostri appuntamenti col Signore

Perseverate nella preghiera, vegliando in essa con rendimento di grazie. (Colossesi 4:2)

Si racconta la storia di un ministro cristiano che doveva un mattino recarsi dal re, ma arrivò in ritardo. “Vostra Maestà, vogliate scusarmi – disse con riverenza – ma avevo un appuntamento col Re dei re”. Così definiva il momento di preghiera col suo Dio.

La preghiera è l’attività primaria della vita cristiana. Facciamo in modo che questa comunione con Dio sia sempre aperta per adorarlo, lodarlo, intercedere, presentargli i nostri bisogni e ringraziarlo per i Suoi doni e le Sue risposte. Avere “udienza” dal Dio sovrano è il privilegio più elevato che un uomo possa ottenere.

Il nostro servizio cristiano, in privato o in pubblico, è importante; ma dev’essere in armonia con la nostra vita interiore e derivare da una costante comunione col Signore. Facciamo attenzione a non ingannare noi stessi con altre attività, magari motivate da sentimenti altruistici, che non sono fondante sulla fede in Gesù Cristo, il nostro Maestro, e non sono dirette da Lui.

E’ importante passa del tempo in preghiera. Il nostro Signore ce ne ha dato l’esempio quando è vissuto sulla terra; i Vangeli ce lo raccontano.

In quei giorni egli andò sul monte a pregare, e passò la notte pregando Dio. (Luca 6:12)

Impegniamoci come Lui a trovare dei momenti tranquilli, in disparte, per cercare la compagnia del nostro Maestro. Ne usciremo con maggiore sicurezza e più energia per eseguire i compiti che ci ha affidato.

Facebooktwitterlinkedintumblr

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *