La dolcezza dell’intercessione

Io non sono più nel mondo, ma essi sono nel mondo, e io vengo a te. Padre santo, conservali nel tuo nome, quelli che tu mi hai dati, affinché siano uno, come noi. (Giovanni 17:11)

I propositi che animarono il ministerio terreno del nostro Signore erano tutti finalizzati a dare gloria al Padre. Da questo possiamo ricavare un esempio che ci mette nelle condizioni di seguire le Sue orme. Dobbiamo trovare in Lui le fonti fresche in grado di alimentare la nostra vita, come Egli le trovò in Dio. Dobbiamo essere disposti a portare a Lui ogni cosa e appropriarci, momento dopo momento, della Sua infinita ricchezza.

Gesù sapeva di essere stato da sempre Uno con Dio, che Lo sarebbe stato per sempre, e che l’amore che lo legava al Padre sarebbe stato condiviso da una moltitudine che nessuno avrebbe potuto contare. Dobbiamo sapere che siamo amati di un amore immutabile, che in Cristo siamo arricchiti nella misura della pienezza ineguagliabile di Dio.

Infine, ascolta le Sue Parole gioiose: ” … io sono glorificato in loro …” (Giovanni 17:10). Vale a dire: ” … io in loro e tu in me; affinché siano perfetti nell’unità …” (Giovanni 17:23). Soltanto quando Egli vede la Sua gioia in miriadi di anime redente e riscontra il Suo amore riprodotto nelle loro vita, è pienamente soddisfatto. Gioisci, Gesù intercede per te.

Facebooktwitterlinkedintumblr

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *