La fede e le opere

Infatti è per grazia che siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non viene da voi; è il dono di Dio. Non è in virtù di opere affinché nessuno se ne vanti; infatti siamo opera sua, essendo stati creati in Cristo Gesù per fare le opere buone, che Dio ha precedentemente preparate affinché le pratichiamo. (Efesini 2:8-10)

Sappiamo tutti benissimo di essere peccatori e che per quanto ci impegniamo non riusciremo mai a raggiungere la perfezione. L’unico uomo che qui in terra fu perfetto, è Gesù. Egli ha cercato di trasmetterci dei modelli di comportamento per essere migliori, ma nessuno di noi ha potuto o può fare nulla per guadagnarsi la salvezza.

Non saranno le nostre opere, come chiaramente ci spiega questo versetto, non saranno i nostri sentimenti e non saranno neppure i nostri beni a farci guadagnare il Cielo. La salvezza è stata donata gratuitamente a tutta l’umanità, non ci sono distinzioni né riguardi personali. Tutti coloro che credono e invocato il nome di Gesù possono ottenerla.

Infatti chiunque avrà invocato il nome del Signore sarà salvato. (Romani 10:13)

Il sacrificio della croce è completo, perfetto, l’uomo non deve aggiungere niente. La salvezza è una grazia che il Signore ci ha gratuitamente concesso, le opere invece sono una conseguenza della fede.

Se ami Dio, amerai anche il tuo prossimo, nei confronti del quale userai benignità e non smetterai di fare del bene. “La tua fede ti ha salvato”, è ciò che Gesù ha ripetuto in varie occasioni a coloro che beneficiavano della guarigione o della salvezza dell’anima. Spero che in quel giorno Gesù possa ripetere queste parole ad ognuno di noi.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.