Chi è il tuo conducente?

Poiché io conosco i pensieri che ho per voi», dice l’Eterno, «pensieri di pace e non di male, per darvi un futuro e una speranza. (Geremia 29:11)

Nello stesso vagone in cui viaggiava il signor Chester Shuler, era seduto un bambino di circa cinque anni. Vedendo che il piccolo viaggiava da solo, il signor Shuler gli si avvicinò e gli chiese se avesse paura di viaggiare da solo. Il bambino rispose con tranquillità che non aveva paura.

L’uomo si congratulò del coraggio che il bambino aveva e dopo gli chiese ancora: “Sai, a volte il treno sobbalza e potrebbe deragliare. Nemmeno questo ti fa paura?”. Il bambino, senza nascondere la sua inquietudine, si avvicinò al signore e gli rispose: “Non ho paura di viaggiare su questo treno, signore, perché lo guida il mio papà!”.

Quante volte ci siamo sentiti soli sul treno della vita! Paure e incertezze ci hanno invaso. A volte siamo stati sfiduciati al punto di pensare di buttarci dal treno. Ma quella sfiducia viene dal non sapere come condurre il treno della nostra vita.

E’ facile perdere la fede quando noi stessi siamo il nostro dio. Diciamo: “Prenderò io le decisioni. Vedrò io cosa voglio fare. Baderò io a me stesso!”. E succede che la nostra vita si trasforma solo in una massa confusa. Ammettiamolo: non siamo capaci di dirigerla!

Forse riusciremo a farlo per un po’, ma è facile che poi succedano due cose: ci stangheremo di prendere tutte le decisioni, e quando vedremo che le nostre decisioni cedono, ci scoraggiamo e abbandoniamo il timone. E’ per questo motivo che tanti si danno all’alcool, alla droga e alla vita corrotta.

L’unico che può condurci di vittoria in vittoria è Gesù Cristo, Egli sa ciò di cui abbiamo bisogno e conosce i pericoli lungo il cammino. Il bambino sul treno si sentiva sicuro perché suo padre era il conducente. Anche noi possiamo viaggiare fiduciosi se è Cristo che ci conduce.

Leave a Reply