Il Signore o un indovino?

Non rivolgetevi ai medium e ai maghi; non consultateli, per non contaminarvi per mezzo loro. Io sono l’Eterno, il vostro DIO. (Levitico 19:31)

Re Saul era molto scosso dal fatto che il profeta Samuele, il suo miglior consigliere, fosse morto; adesso non c’era più nessuno che potesse parlargli e indicargli la via da seguire. Aveva una dura battaglia davanti a sé; il popolo contro cui doveva combattere era potente e, nonostante disponesse di un valido esercito capeggiato dai suoi tre figli, aveva timore.

Non esitò a disubbidire a Dio rivolgendosi ad una medium, piuttosto che riconoscere i propri limiti e chiedere aiuto al Signore.

Proprio come lui, molte persone oggi preferiscono rivolgersi a un indovino invece di affidare la propria vita a Colui che ha creato ogni cosa. Cercano di giustificare i propri peccati anche davanti all’Onnisciente precludendosi, in questo modo, la possibilità di ricevere il Suo aiuto.

Se anche tu rientri in questa categoria, fermati! Non continuare a rivolgerti a chi non può aiutarti né mostrarti il piano di Dio. Pentiti delle tue azioni, ricerca il Suo volto e aspetta il Suo aiuto.

Così Saul morì a motivo della sua infedeltà commessa contro l’Eterno, perché non aveva osservato la parola dell’Eterno e anche perché aveva consultato una medium per avere consiglio, e non aveva invece consultato l’Eterno. Per questo l’Eterno lo fece morire e trasferì il regno a Davide, figlio di Isai. (1 Cronache 10:13-14)

Leave a Reply