Messi al sicuro

Per la tua giustizia, liberami, mettimi al sicuro! Porgi a me il tuo orecchio, e salvami! (Salmi 71:2)

Bunker, cassette di sicurezza, casseforti di vario genere, impianti antifurto … l’elenco potrebbe continuare, perché l’uomo cerca di mettere al sicuro sé stesso e le cose che gli sono preziose. Ma che cosa ne è dell’anima nostra?

In certi periodi siamo attaccati da ogni parte e ogni sicurezza sembra venirci a mancare. Varie voci ci spingono a metterci al riparo il più in fretta possibile. Ma le circostanze che attraversiamo risultano come un terreno franoso, che rischia di farci scivolare sempre più in basso.

Il salmista si rivolge a Dio con un grido della massima urgenza, ma pure esprimendo totale fiducia nell’operato del Signore, lasciando che sia Lui a stabilire come, dove e quando metterlo al sicuro. Pregando, egli si affida alla Sua saggezza e alla Sua benevolenza.

Chi invoca Dio per essere liberato, non sceglie a proprio piacimento di essere condotto in una facile posizione, anzi, egli si apre e si arrende alla Sua perfetta volontà. L’anima che si rifugia nel Redentore, ricerca la Sua santa giustizia: non vuole sicurezza materiale a scapito della benedizione spirituale.

La fretta e la paura non annebbino la tua lucidità morale, non rifugiarti dove capita. Chiedi a Dio di metterti là dove sarai veramente protetto e al sicuro. Libero da ogni ansia, nelle mani di Cristo!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.