Non in balia del fato

Ma l’Eterno fu con Giuseppe e usò verso di lui benevolenza, cattivandogli le grazie del direttore della prigione. (Genesi 39:21)

Quando perdiamo un nostro caro, ci ammali o subiamo dei torti è arduo credere che il Signore guidi ogni aspetto della nostra vita. Dio, però, è fedele e non perde mai di vista chi confida in Lui. Quando attraversiamo avversità inspiegabili, non dobbiamo sentirci abbandonati dal Signore, ma restiamo attendi e fiduciosi, sapendo che Egli ci mostri i Suoi benevoli scopi.

Ricordiamo la storia di Giuseppe. Possiamo riconoscervi l’onniscienza di Dio, che sapeva quale importate ruolo avrebbe svolto Giuseppe per la salvezza della sua famiglia. Consideriamo anche la Sua onnipresenza: Dio era là dove i fratelli di Giuseppe deliberarono di ucciderlo e sbaragliò i loro piani malvagi.

Inoltre lasciamoci incoraggiare dalla sovranità di Dio, il Quale fece passare una carovana di mercanti proprio da quelle parte perché Giuseppe fosse condotto, non dove volevano i suoi fratelli, ma dove voleva il Signore.

Quanto ci capita di sentirci in balia delle persone o delle circostanze, confidiamo in Gesù, certo che il nostro Signore è l’Onnisciente, l’Onnipresente, il Sovrano. Egli ci rasserena e fortifica la nostra fede dicendo: “Ogni potestà mi è stata data in cielo e sulla terra”, “or ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine dell’età presente” (Matteo 28:18,20)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.