Non temere

Dio disse: «Io sono Dio, il Dio di tuo padre. Non temere di scendere in Egitto, perché là ti farò diventare una grande nazione. (Genesi 46:3)

Giacobbe aveva pianto a lungo la morte di Giuseppe e ora, improvvisamente, gli veniva riferito che egli non soltanto era vivo, ma che era diventato il governatore dell’Egitto. Così parte alla volta di questo paese per poter fintalmente riabbracciare il suo amato figlio.

Gicaobbe, qui chiamato con il suo nuovo nome, Israele, agisce in modo spiritualmente nuovo. Nel partire non si dimentica del Signore e, giunto a Beer-Sceba, Gli offre un sacrificio. Dio lo rincuora e gli da la certezza di muoversi secondo il Suo piano.

Essere animati da sincerità o da buone intenzioni non basta. E’ indisbensabile che le nostre decisioni ricevano la benedizione divina! Giacobbe ebbe la certezza che il Signore era con lui e noi pure avremo la medesima sicurezza se, prima di ogni decisione, ci ricordiamo del nostro Dio.

Abbiamo presentato a Lui i nostri programmi? Abbiamo offerto al Signore il sacrificio della nostra riconoscenza, della nostra fiduciosa dipendenza?

Oggi, non lasciamoci sospingere da sole emozioni, ma neanche permettiamo ad alcuna paura o pregiudizio di frenarci. Sia la Parola di Dio a rasserenarci e approvarci, per condurci là dove adesso Egli vuole.

Leave a Reply